In Europa, nel 2019, erano già più di 1,6 milioni caldaie a biomasse per uso domestico con una potenza inferiore a 50kW e un fatturato annuo di circa 153.000 unità. Il numero di caldaie a biomassa in funzione nell'UE28 è di 1,4 milioni e le vendite annuali di 132.000 unità. Per paese, il mercato è guidato dalla Germania con oltre 287.000 caldaie a biomassa in funzione, seguita da Italia, Bulgaria e Austria con oltre 140.000 caldaie a biomassa in funzione ciascuna. Le vendite sono state guidate nel 2019 da Germania, Bulgaria, Francia e Italia, oltre 15.000 unità. La Spagna aveva 20.600 caldaie a pellet per uso domestico installate nel 2019, anno in cui sono state vendute 2.500 unità.

Circa l'installazione di stufe a pellet, gli ultimi dati statistici disponibili indicano che nel 2019 erano 6,2 milioni le stufe funzionanti in tutta Europa con un fatturato annuo di oltre 687.000 unità. Nell'UE28 ci sono 5,6 milioni di stufe in funzione con vendite che hanno superato le 621.000 unità. Spicca l'evoluzione positiva delle vendite nei paesi del Mediterraneo: l'Italia ha poco più di 2 milioni di stufe in funzione e guida la classifica di vendita con 170.000 unità; seguita dalla Francia, che a fine 2019 aveva più di 1 milione di stufe a pellet in funzione, con vendite che superavano le 157.000 stufe all'anno; La Spagna aveva 2019 stufe a pellet operative nel 320.000 e 55.143 unità sono state vendute quell'anno, una ogni 851 spagnoli.

 
Il modello Domo Back di Rika completa il modello più venduto di Rika con un forno da cucina. Con temperatura regolabile da touch screen, sia per i fornelli che per il forno, in maniera autonoma, il modello Domo Back fa un passo avanti nella gestione dell'energia generata in un'ottica di massimo utilizzo. Inoltre, questo modello può incorporare fino a due ventilatori di convezione.
Ignisdom ha presentato all'Expobiomasa Innovation Award la prima caldaia murale a pellet in grado di sostituire qualsiasi caldaia murale elettrica o a gas. Dispone di un sistema di autoaspirazione del pellet dallo stesso sacco o dal serbatoio (optional) con una capacità di 65kg. Le sue dimensioni minime gli permettono di essere appeso alla parete ed è conforme a tutte le certificazioni europee attualmente richieste come ECODESIGN. Incorpora anche componenti di alta qualità come un riscaldatore al quarzo e un bruciatore autopulente. 
Questa rivoluzionaria tecnologia permette di bruciare tutti i rifiuti incombusti provenienti dagli impianti di combustione del pellet, molti dei quali cadono nel braciere. Alla fine del processo di combustione, di solito ci sono minuscole particelle minerali che non bruciano più.
Questo sistema è stato testato nei laboratori TÜV. In un test ciclico che simulava le diverse condizioni di esercizio nel corso di un anno, sono state misurate emissioni medie di particolato di appena 2 mg/m3 (13% O2). Questo livello di emissioni praticamente trascurabile è ottenuto con un nuovo disegno del tubo focolare in camera di combustione, e un ricircolo ripartito dei gas di scarico. Questi gas alimentano l'aria primaria nella zona inferiore e vengono iniettati nella zona di combustione superiore ad alta temperatura.
È un concetto dirompente nella climatizzazione che permette di riscaldare e rinnovare l'aria in tutta la casa contemporaneamente, unificando riscaldamento e ventilazione a partire da una semplice stufa a biomassa. Invece di riscaldare l'aria viziata che abbiamo all'interno, riscalda direttamente l'aria fresca, generando "calore di sostituzione".
Domusa presenta a Expobiomasa la sua nuova caldaia che incorpora nella parte superiore della camera di combustione, un accumulatore di acqua sanitaria in acciaio inox e un tampone di acqua di riscaldamento. 
La Serie STP dell'azienda italiana Rizzoli è stata completamente rinnovata sia dal punto di vista tecnologico che nel design. Continua ad incorporare l'innovativo sistema di combustione certificato H2O System®, che garantisce alte prestazioni e un rendimento fino all'87,9%. La Serie STP, infatti, rispetta i limiti di emissione stabiliti dalla certificazione ambientale italiana ottenendo 4 stelle.
Mini 5 di KALOR. Questa stufa, in modo semplice, garantisce rendimenti ben superiori al 90% e una potenza fino a 5kW sufficienti per riscaldare piccoli ambienti come una taverna o appartamenti. Tutto questo ad un prezzo estremamente contenuto, unico nel suo genere.
Il 30 giugno è stato pubblicato il Regio Decreto che approva la concessione diretta alle Comunità Autonome di un programma di incentivazione legato alla realizzazione di impianti termici rinnovabili nel settore residenziale, nell'ambito del Recupero, Trasformazione e Resilienza
Tutto il calore di cui hai bisogno in uno spazio piccolissimo. Grazie alla loro elevata efficienza, l'innovativo ed esclusivo scambiatore verticale e la camera di combustione monoscocca della gamma Tuboair® sono il sistema ecologico ed economico di Ungaro che rivoluziona il riscaldamento a pellet. Verniciatura a polvere in acciaio, porta in vetro estetico. Ulteriori vantaggi:
La linea Evolution di Extraflame mette tecnologia e design al servizio della tua casa. La moderna ed elegante stufa a pellet Pamela della linea Evolution è un prodotto completamente ermetico (camera di combustione e serbatoio) ed è dotata di una doppia porta: la parte interna con vetro ceramico e la parte esterna con vetro temperato.
Palazzetti riunisce in Jackie, la nuova stufa a pellet Ecofire® Idro, la tecnologia del calore più avanzata. Un prodotto dalle elevate prestazioni e dalle misure compatte, che garantisce, nel tempo, alte rese e basse emissioni in atmosfera. Con le sue linee pulite e la forma arrotondata, i fianchi in acciaio verniciato e il top in ghisa, Jackie mostra il suo look contemporaneo e si inserisce in ogni ambiente domestico con delicata eleganza. Dentro tutta la potenza e l'efficienza Palazzetti: I pro: