Naturpellet inizia i lavori per espandere la sua produzione del 50%, a 60.000 tonnellate

Con passi fermi, Naturpellet continua ad aumentare la propria visibilità e la società ha già iniziato i suoi lavori per espandere la sua produzione del 50%, il che le consentirà vanno da 40.000 a 60.000 tonnellate.

Registri di Naturpellet un boom meteorico negli ultimi cinque anni. Pallet Tama, la società madre, è nata come una società molto piccola. Man mano che la segheria cresceva, non c'era una chiara uscita alla segatura generata, un sottoprodotto che vendevano. «Potremmo trovarci in uno scenario di alta redditività per il taglio o che è stato un problema venderlo, quindi abbiamo creato un impianto di pellet per usiamo quel sottoprodotto noi stessi, elaborarlo e dargli uno sbocco in un mercato che stava già esplodendo ”, commenta la direttrice della comunicazione della società, María José Tapia.

Naturpellet Ha aperto il suo periodo di vendita a maggio e in giugno ha già impegnato tutte le tonnellate che si prevede di produrre fino a maggio 2020. Parte di ciò è spiegato dal boom della biomassa, grazie a una maggiore consapevolezza ecologica e all'impatto delle emissioni di CO2. Le circostanze aiutano, poiché Castilla y León ha una delle masse forestali più importanti in Europa. È un combustibile prezioso per il riscaldamento assolutamente locale, che paga le tasse, e il risparmio con un impianto a biomassa è superiore al 50% rispetto al diesel.

Per maggiori informazioni: https://www.elnortedecastilla.es/segovia/activo-calor-ecologico-20191223142622-nt.html