Dalla prima edizione di Expobiomasa, nel 2006, il consumo di pellet in Europa nel settore residenziale è passato da 3 più di 18 milioni di tonnellate. Nello stesso periodo, il consumo di pellet domestico in Spagna è salito a 700.000 tonnellate annue consumate nel 2020. E le previsioni puntano a raggiungere il milione di tonnellate in 2022.

Produttori spagnoli garantire la fornitura e aumentare la produzione in modo ritmico. La capacità produttiva della Spagna supera di gran lunga il consumo, il che le consente di rifornire il mercato nazionale ed esportare in altri paesi europei.

La Certificazione ENplus del pellet si è consolidato come riferimento di qualità tra i consumatori di tutto il mondo. 38 produttori spagnoli hanno il certificato in vigore e lavorano quotidianamente per mantenere i parametri richiesti, aumentando i livelli di controllo e ispezione al fine di garantire la qualità.

Con un volume di vendita di 24.000 tonnellate di biomassa all'anno, ESE Salamanca fornisce un riscaldamento sostenibile e confortevole a 90.000 utenti. Bioenergy Barbero è impegnata nella digitalizzazione nella manutenzione degli impianti di riscaldamento centralizzato e di acqua calda alimentati a biomasse, un impegno costante per l'innovazione. L'azienda specializzata nel passaggio da caldaie a carbone a biomasse nelle comunità limitrofe dispone di innovativi sistemi di telegestione che facilitano il telecontrollo degli impianti. 
La mappa 2020 dei biocarburanti solidi preparata da AVEBIOM e aggiornata a settembre 2020 mostra l'ubicazione ei dati di 83 fabbriche di pellet, 61 chip e 25 di pietra d'oliva inventariate nell'ultimo anno in Spagna. Raccoglie anche informazioni da 59 centri di pellet, chip e bone in Portogallo e da 32 impianti di pellet in Cile, Argentina e Uruguay.
Nonostante la pandemia in corso, la Germania ha prodotto più di 1,5 milioni di tonnellate di pellet di legno nella prima metà del 2020, con un aumento del 13%, 173.000 tonnellate rispetto alla prima metà del 2019. Con al fine di far fronte all'aumento della domanda interna spinta dalle nuove installazioni di caldaie a pellet.
La produzione di pellet di legno in Spagna è aumentata del 20% nell'ultimo anno, raggiungendo un volume record di 714.000 tonnellate nel 2019.
I kW potrebbero costare l'80% in meno, le macchine agricole potrebbero ridurre le emissioni del 90% e i rami dei vigneti forniscono riscaldamento e acqua calda in modo sostenibile, più economico e rinnovabile a 60.000 case in Castilla y León. Questi sono alcuni dati che COAG gestisce nelle sue sessioni che promuovono contro i cambiamenti climatici.
In Catalogna, l'uso di pellet e altri biocarburanti è aumentato in modo significativo. Ciò ha consentito la valorizzazione dei prodotti estratti dalla pulizia delle foreste.
Dalla Spanish Biomass Association (AVEBIOM) e dalla Spanish Association of Wood Pellet Production Companies (APROPELLETS) vogliamo comunicare alla società che i professionisti delle bioenergie continueranno a lavorare per garantire la fornitura di energia pulita e rinnovabile a tutti gli utenti. .
Naturpellet prevede di aumentare la produzione di pellet di legno del 50%
Esempio di successo del recupero di una risorsa di biomassa, la scheggia di legno, precedentemente trattata come rifiuto.
Una delle più grandi fabbriche produttrici del settore lavora ogni giorno per la stabilizzazione delle tariffe e garantisce la continuità della fornitura di pellet di qualità certificata Enplus con il marchio BURPELLET.
I metri cubi 96.660 (il contenuto delle piscine olimpiche 30) di biomassa immagazzinata in 40 trame quasi quadrate di 21 x 23 larghi metri e 5 alti in altezza forniranno la pianta Cubillos del Sil.
L'uso del pellet di legno come fonte di energia termica viene imposto come la misura più sostenibile in termini economici, sociali e ambientali per combattere i cambiamenti climatici. Il suo utilizzo incoraggia lo sviluppo rurale, crea posti di lavoro e, essendo redditizio, contribuisce a un futuro sostenibile ed equo con la nostra società e l'ambiente.