REBI-Recursos de la Biomasa ottiene le licenze per la Cuenca Heat Network

rete termica a biomasse
La città di Cuenca raggiungerà la riduzione delle emissioni nell'atmosfera di 25.000 tonnellate di CO2 all'anno nel centro della città, senza costi di investimento.

Questa è la seconda rete di calore che REBI costruisce in Castilla-La Mancha dopo che il teleriscaldamento a Guadalajara sta già funzionando e sta espandendo il suo numero di utenti.

La Rete di calore del bacino fornirà energia termica da biomassa alle comunità di quartiere, agli edifici pubblici e industriali della città di Cuenca.

La rete proverrà da una centrale termica che sarà situata in Avenida de Cruz Roja Española 11, D, accanto alla concessionaria di veicoli Ford. Da lì distribuirà l'energia prodotta con il cippato attraverso acqua calda a 90 gradi attraverso tubi preisolati che scorreranno attraverso il sottosuolo della capitale. Il circuito chiuso collegherà tutti gli edifici che desiderano incorporare energia rinnovabile e l'acqua tornerà nuovamente fredda all'impianto, dove raccoglierà nuovamente energia.

Gli abitanti di Cuenca che decidono di utilizzare l'energia verde al posto dei combustibili fossili per riscaldarsi non dovranno pagare alcun versamento o esborso iniziale poiché l'allaccio è sovvenzionato al XNUMX%, con un lavoro minimo nel proprio locale caldaiaPagano solo per l'energia che consumano, proprio come accade nella Rete di Guadalajara.

Caratteristiche della rete

La rete avrà la capacità di connettersi tra 7.000 e 8.000 case oltre agli edifici pubblici e privati ​​non residenziali del settore industriale e commerciale. La potenza termica della Rete salirà a 29 MW, con una caldaia a biomasse da 21 MW e un'altra da 7 MW. Incorporerà un parco solare da 1 MW per l'autoconsumo sul tetto e sul terreno. Un serbatoio di accumulo di 10.000 metri cubi garantirà l'approvvigionamento durante i picchi di domanda di energia.

La principale novità è l'ibridazione di 1,2 MW dell'energia prodotta da 4.000 mq di campo solare termico a concentrazione. Questa ibridazione è un pioniere nelle reti di calore in Spagna: la luce solare focalizzata riscalda un liquido che passa attraverso una serie di lenti. Il controllo della portata del liquido consente il controllo del livello di temperatura. Il calore generato viene quindi trasferito all'utenza finale dirigendo il liquido attraverso uno scambiatore di calore standard. Le lenti piatte sono utilizzate nei pannelli collegati in serie progettati per fornire la quantità di potenza richiesta. Allo stesso modo è previsto il recupero del calore delle acque reflue dall'impianto di trattamento dei rifiuti di Cuenca con una pompa di calore.

La città di Cuenca raggiungerà la riduzione delle emissioni nell'atmosfera di 25.000 tonnellate di CO2 all'anno nel centro della città, senza costi di investimento.

Vantaggi della connessione alla Rete di Calore

Gli utenti che si allacciano alla Rete avranno una riduzione media minima del 10% sulla bolletta della Comunità dei Proprietari in riscaldamento e acqua calda sanitaria (ACS), e potranno arrivare fino al 50%. La stabilità dei prezzi contro la speculazione sui combustibili fossili è un altro dei vantaggi per i clienti Red de Calor, che avranno un misuratore di kWh (kilowattora) all'avanguardia nello scambiatore di calore a piastre e una fatturazione di kWh termici utili consumati.

Anche il nuovo progetto di Rebi offre grandi cose vantaggi tecnici come il fatto che i vicini smettano di immagazzinare combustibili fossili, i rumori, gli odori e gli scarichi scompaiono, eliminando ogni rischio di esplosione o incendio. Oltre ai vantaggi più tecnici, non bisogna dimenticare che la Rete genera circa 40 nuovi posti di lavoro diretti e indiretti, rivitalizza le aree rurali limitrofe e comporterà un recupero del calore sprecato dalle industrie che si trovano nell'area di azione della Rete.

La biomassa proverrà, tra l'altro, dalle foreste comunali. La capitale di Cuenca ha più di 53.000 ettari di foreste pubbliche di proprietà del Comune e la provincia nel suo insieme ha più di 800.000 ettari boschivi, che aiutano la produzione e il consumo di biomassa.

 

Tutte le notizie in SORIANOTICIAS.COM