La domanda di biomassa per energia aumenta vertiginosamente in Galizia

Biomassa nella montagna galiziana
La Galizia quadruplicherà in due anni la capacità installata per il consumo di legname residuo, passando da 476.000 tonnellate a 1,7 milioni di tonnellate, secondo il rapporto della catena del legname Xera

La Galizia sta entrando in un momento in cui le risorse della montagna caricano un nuovo valore. Il cambiamento climatico richiede la riduzione del consumo di combustibili fossili, il che incoraggia il decollo di alternative come l'uso della biomassa forestale residua per la produzione di energia. Tra due anni, la Galizia quadruplicherà la sua capacità di consumo di biomassa installata, dalle attuali 476.000 tonnellate a 1,7 milioni di tonnellate, secondo il rapporto della catena del legname presentato da Axencia Galega da Industria Forestal (Xera).

Se si considera che la montagna galiziana produce ogni anno tra 1,5 e 2 milioni di tonnellate di disboscamento, la conclusione è chiara. I resti di breve diventeranno presto una risorsa ambita nella boscaglia. Il primo livello della domanda aumenterà all'inizio del 2020, quando entrerà in funzione l'impianto di produzione di energia elettrica a biomassa che Greenalia sta assemblando a Teixeiro (Curtis, A Coruña), che dovrebbe consumare più di 500.000 tonnellate di resti di resti. tala.

Questo progetto sarà seguito da diverse iniziative dell'industria forestale per aumentare il consumo di detriti e sottoprodotti del suo processo di fabbricazione. Le fabbriche di bordo hanno pianificato sostituire l'attuale sistema di cogenerazione del combustibile con biomassa, con cui generano calore per il loro processo industriale ed elettricità per la rete. Questo cambiamento, insieme all'aumento dei consumi di Ence Navia e di quelli che Ence Pontevedra potrebbe intraprendere, determinerà un aumento della capacità installata di utilizzo della biomassa residua di altre 700.000 tonnellate nel 2021.

L'equazione si completa con la centrale a biomassa che Forestalia sta raccogliendo a Bierzo e che teoricamente fornirà parte della sua domanda sul mercato galiziano dal 2020, come valutato nel rapporto Xera, in cui viene calcolato che la domanda totale di biomassa forestale della Galizia per usi energetici può essere di circa 2 milioni di tonnellate nel 2021.

Per maggiori informazioni: https://www.campogalego.com/es/la-demanda-de-biomasa-para-usos-energeticos-se-dispara-en-galicia/